Regali di Natale per le Aziende

Menu

Insieme alla sua azienda possiamo incidere sul futuro di tanti bambini

Origine del calendario dell'avvento

Come creare un calendario dell'avvento personalizzato

Le origini del calendario dell'avvento

La nascita del calendario dell'avvento è una storia particolare che riesce a conquistare tutti coloro che sono amanti di tale festività.

Scopriamo assieme come nasce questo oggetto ed altri punti importanti dello stesso e se non sapete cosa regalare a natale, vi invitiamo a leggere quest'articolo: I migliori gadget aziendale di natale

Le fasi della nascita del calendario dell'avvento

Essendo una storia abbastanza articolata, l'origine del calendario dell'avvento necessita di essere suddivisa in diverse parti, in modo tale che sia possibile capire meglio da dove nasce tale idea e soprattutto come si sviluppa la stessa.

Per la precisione questa storia si suddivide in tre parti fondamentali, ovvero:

  • nascita, o prima versione del calendario;
  • evoluzione dello stesso;
  • diffusione mondiale e miglioramenti apportarti col passare del tempo.

Queste quattro fasi identificano perfettamente la storia che ora andremmo ad analizzare, partendo proprio dal concetto dello stesso articolo natalizio che rende i piccini, ma anche gli adulti, maggiormente ansiosi di festeggiare questa particolare giornata.

La nascita del primo calendario dell'avvento

Il primo calendario che separa il primo dicembre dal giorno di Natale ha una storia molto curiosa e la sua invenzione deve essere attribuita ad una mamma tedesca ed al suo bambino.

Nella Germania del fine 800 c'era un bambino di nome Gherard Lang che, probabilmente come tanti altri dei giorni nostri, ogni anno non vedeva l'ora che arrivasse il giorno di Natale. Ogni giorno alla mamma faceva le stesse domande: Quando arriva Natale? Quanto manca ancora?

Sentirsela ripetere tutti i giorni, sicuramente come tante altre mamme che hanno vissuto e che tutt'ora oggi devono affrontare questa cantilena dei loro piccini, la madre del piccolo Gherard decise di creare un piccolo gioco che avrebbe consentito sia lei che al piccino di ottenere un grande vantaggio.

Al bambino avrebbe permesso di poter scoprire esattamente quanti giorni mancavano a Natale mentre alla madre avrebbe evitato di dover sentire nuovamente la stessa ed identica domanda ripetuta per l'ennesima volta da parte del figlio.

La donna decise di creare quindi ventiquattro pacchetti ognuno dei quali conteneva un pezzetto di cioccolata.

All'esterno pose i numeri che identificavano le giornate e spiegò al suo bambino che, ogni giorno, avrebbe dovuto aprire un pacchetto e gustarsi la cioccolata.

I restanti pacchetti gli avrebbero permesso di capire quanti giorni mancava al Natale, aggiungendo che al termine dei pacchetti sarebbe arrivata la giornata tanto attesa da parte del piccino stesso.

Come facilmente intuibile questa fu la prima versione del calendario dell'avvento, completamente differente da quella classica che tutti oggi conosciamo.

Il calendario dell'avvento e la sua reale origine

Da questa semplice idea lo stesso Gherard Lang creò l'oggetto che tutti oggi utilizzano, ovvero il calendario della festa di Natale.

Gherard Lang rimase colpito da questo genere di gioco creato dalla mamma e ogni anno, dopo la nascita dell'idea della madre, il bimbo voleva che tale usanza venisse ripetuta da parte della madre.

Col passare degli anni Gherard iniziò a capire che quel piccolo gioco poteva divenire un fenomeno globale.

Per questo motivo egli decise di creare un calendario dell'avvento vero e proprio. Il giovane, ormai cresciuto ma sempre ansioso per l'attesa del giorno di Natale, decise di sfruttare una tavola di legno e creare tante piccole caselle che partivano dal primo dicembre fino al ventiquattro ed in ognuna di essere doveva essere presente un piccolo dono.

Pertanto questa invenzione segnala l'origine della prima versione del calendario dell'evento stesso, divenuto poi un fenomeno globale soggetto a diversi cambiamenti.

L'evoluzione del calendario dell'avvento

Col passare degli anni questo strumento si è evoluto costantemente fino ai giorni nostri, divenendo un oggetto indispensabile nella propria casa che rende il Natale stesso un avvenimento unico nel suo genere.

Col passare degli anni, visto che il calendario di Lang vide la luce attorno alla seconda decade del XIX secolo, il Calendario dell'Avvento si diffuse a macchia d'olio su tutto il suolo europeo. L'invenzione di Lang, che decise di diffonderla sul suolo tedesco mostrandola ai conoscenti, venne copiata dai mercanti e viaggiatori che, lentamente, la introdussero negli altri paesi europei.

Nel 1900, precisamente nella sua seconda metà, il calendario dell'Avvento divenne un elemento importante che quasi tutte le persone amanti del Natale possedevano in casa propria.

Oggi questo strumento si è evoluto in maniera costante: non esiste un calendario in legno, seppur questo possa essere creato con le proprie mani, ma quello che viene realizzato col cartone e che possiede, in ogni finestrella, caramelle e cioccolata.

Esiste anche il calendario dell'avvento online virtuale ma questo non è di certo comparabile a quello classico.

Ecco quindi quale risulta essere la vera e propria origine del calendario dell'avvento, nato quasi per caso per merito di un piccino assillante e di una mamma che, per dargli una risposta concreta e semplice, creò un semplice gioco che oggi è divenuto uno strumento conosciuto da tutti su scala mondiale.